Sentenze – Corte di Cass. n. 4301 del 22 febbraio 2013

E’ possibile l’adibizione a mansioni inferiori del dipendente per esigenze di servizio allorquando sia assicurato in modo prevalente ed assorbente l’espletamento di quelle concernenti la qualifica di appartenenza“.

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 4301 del 22 febbraio 2013, ha respinto il ricorso di un dipendente comunale che riteneva di essere stato illegittimamente dequalificato in quanto era stato assegnato allo svolgimento anche di mansioni inferiori rispetto a quelle dell’inquadramento rivestito.

La Suprema Corte, confermando la sentenza d’appello, ha ritenuto che dette mansioni, ancorché dequalificanti, non erano inesigibili in quanto, risolvendosi in adempimenti che implicavano un circoscritto impegno temporale, non intaccavano lo svolgimento in prevalenza delle mansioni confacenti all’ inquadramento del dipendente.